Facebook chiude i rubinettiFacebook chiude i rubinetti

Addio profili fake, addio tag selvaggi, addio post innumerevoli e incontrollati che spammano senza un minimo di contenuto, lo avevamo detto, lo avevamo previsto ed è accaduto.

Nelle ultime ore facebook sta facendo piazza pulita, migliaia di profili bannati e pagine inutilizzabili, come un’epidemia fuori controllo sta mietendo vittime inconsapevoli. Per gli addetti ai lavori, il 1 maggio era una data che si aspettava con ansia, per chi come me lavora con  Facebook utilizzando strategie etiche e professionali, era come aspettare l’azione dell’angelo vendicatore, che come in tutte le storie bibliche che si rispettano, aveva avvisato, non ascoltato molti utenti del social network.

Ed Ora?

Penso a chi finora (team di network) ha applicato e fatto applicare  azioni sul filo del rasoio che per mesi hanno raccolto risultati economici strabilianti, dover ricominciare tutto da capo, e spesso impedire, pena l’esclusione dal piano marketing, a chi voleva utilizzare strategie e strumenti professionali. Tag, chat invasive, profili fake, (perché se sei una donna funziona di più)..bene tutto questo ora è finito, speriamo che servirà a capire che per ottenere risultati sul web e su facebook in particolare, richiede impegno, e contenuti come in tutto del resto.